La prima volta che ho visto Giuditta erano le 7.00 del mattino, ero assonnata, aspettavo Lili, che dentro di me ancora non si era svegliata.
Salivo le scale di legno, per arrivare in palestra, da dove arrivava la musica, sentivo saltare forte sul pavimento scricchiolante, sentivo ridere, e ballare, la musica era altissima e sorridevo mentre mi avvicinavo alla porta, eccitata e spaventata all’idea di ciò che avrei trovato una volta entrata.
Aretha Franklin cantava Think, e io ho visto per la prima volta quel luogo, pieno di donne, tutte cosi diverse e colorate, si…erano colorate, non ricordo altro, era tanto diverse che non me ne rimase in mente neppure una!
Tra tutte però, riconobbi subito Giuditta, la più luminosa, che mi veniva in contro a ritmo di musica, sarei scappata! hahahahah invece rimasi, e non fu più la stessa cosa…